:: itchefs-GVCI :: Olio Extravergine di Oliva ::

Extra Virgin Olive Oil
CNO

Come funziona il controllo della filiera tracciata

Il CNO ha sviluppato negli anni un disciplinare tecnico di filiera per l’olio di oliva extra vergine che è stato introdotto tra gli associati. Per la realizzazione e il controllo del Disciplinare il CNO si avvale della collaborazione di 120 tecnici che operano su tutto il territorio italiano, in stretta sinergia con le aziende olivicole, Cooperative e/o frantoi privati. I tecnici sono direttamente impegnati nell’assistenza tecnica specialistica in olivicoltura, svolta direttamente in campo nelle aziende o presso le strutture di trasformazione. Si tratta di tecnici specializzati con Laurea in Scienze Agrarie o diploma di perito agrario che hanno superato un corso per “Valutatore di Sistemi di Gestione della Qualità” (Norme della famiglia ISO 9000). Essi hanno inoltre frequentato a corsi di formazione sulle Norme della famiglia UNI EN ISO 22000 e di analisi / progettazione piani di autocontrollo HACCP. Infine hanno ottenuto uno 


Il piano di controllo nelle aziende agricole

Ogni azienda agricola è obbligata a seguire un rigido “Piano dei Controlli” in cui viene monitorato il rispetto dei requisiti a cui la stessa deve sottostare in termini di:

  • conduzione dell’oliveto (quaderno di campagna);
  • rintracciabilità di filiera (rispetto degli accordi, gestione documentale dei flussi, bilanci di massa, test rintracciabilità);
  • rispetto di particolari “regimi di coltivazione”, come per esempio il Biologico o Extra Vergine ALTA QUALITÁ;
  • controllo analitico delle olive in fase di raccolta per la ricerca di eventuali residui, solo per le filiere Alta Qualità, attraverso l’esecuzione di analisi multiresiduali su campioni di OLIVE fresche in raccolta.


Il piano di controllo nelle aziende di trasformazione

Le aziende di trasformazione vengono seguite prioritariamente per gli aspetti legati a:

  • Coordinamento delle raccolte e dei conferimenti per ridurre i tempi di attesa;
  • Segregazione del prodotto tracciato rispetto al convenzionale (flusso documentale, controlli incrociati, bilanci di massa, richiamo prodotto, test di rintracciabilità);
  • Controllo dell’applicazione dei parametri di processo e monitoraggio dei CCP (critical control point) previsti dall’HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points);
  • Campionamenti di olio per l’esecuzione di analisi chimiche o sensoriali.
Region
No. filiere
No. aziende agricole
q.Li Olio commercializzato
q.Li Olio certificato
q.Li Olio AQ
1
33
2.000
80
0
9
10
800
50
15
1
256
350
300
0
3
400
1.500
1.100
100
5
260
1.000
500
0
16
37
800
250
0
7
2.000
30.000
26.700
100
9
540
1.500
950
0
7
32
3.000
700
0
14
38
4.000
300
0
Totale
72
3.606
44.950
30.930
215