:: itchefs-GVCI :: Olio Extravergine di Oliva ::

Extra Virgin Olive Oil
CNO

Un progetto per l’Italia e la Grecia

Il Progetto di Tracciabilità e Alta Qualità dell’olio extra vergine di oliva del Cno è svolto in partnership con la Grecia e in particolare con quattro cooperative cretesi: Sitia, Peza, Milopotamos e Mirabello. Il progetto ha innanzitutto pianificato ina strategia comune per la gestione del sistema di rintracciabilità tra gli operatori delle due nazioni. Questi ultimi condividono i modelli di manuali di rintracciabilità e i disciplinari tecnici realizzati dai due paesi. E’ stato inoltre creato un manuale di rintracciabilità con il disciplinare per gli oli di alta qualità in Italia e Grecia e si sta procedendo alla sua applicazione e alla messa in atto dei meccanismi di  controllo. Gli operatori italiani e greci coinvolti nel progetto condivideranno la verifica dei sistemi informativi per la creazione di Data Base da cui attingere le informazioni sui che generano SMS e informazioni per i codici QR.

Questo lavoro è stato ed è possibile grazie a gli incontri tra i tecnici dei due paesi al fine di poter avere uno scambio sui diversi sistemi di organizzazione della filiera e della gestione dei flussi materiali e delle informazioni raccolte per la gestione della tracciabilità. In tali incontri sono costantemente verificati anche i diversi sistemi informativi disponibili al fine di cogliere possibili analogie e integrazioni.

Come naturale evoluzione delle attività di diffusione, estensione e certificazione di un disciplinare di alta qualità, si intende promuovere la condivisione di una serie di servizi, strumenti e informazioni tra gli attori della filiera per incentivare all’interno delle filiere tracciate la produzione, trasformazione e commercializzazione dell’olio extra vergine di elevata qualità.

Gli attori che vi parteciperanno dovranno usufruire di un sistema di relazioni e contatti strutturati che consentono alle imprese di trasformazione, confezionamento e distribuzione di interagire tra loro e con le realtà agricole coinvolte nel programma come se fossero più unità funzionali di un'unica grande impresa delocalizzata.